GEOGRAFIA UMANA
WORKSHOP SULL’ ARTE DEL NARRARE a cura di Alessio Di Modica

11244710_701376386657211_6176039886343404652_njpg

Presso Impact Hub  Siracusa Via Mirabella,29

27/28 ottobre 2018

 

Organizzato da e IMPACT HUB  Siracusa e AREA TEATRO

In collaborazione con le Cooperative Sociali IRISIL SOLE e PASSWORK

 

Imparare a raccontare storie può essere uno strumento di fondamentale importanza per chi lavora con l’essere umano: per un attore per arricchire il proprio bagaglio formativo ma anche a livello educativo, riabilitativo, comunicativo e ludico ricreativo per chi lavora con bambini, disabili e minori a rischio in scuole o in cooperative sociali, per chi insegna, per chi tutti i giorni si misura con la necessità di comunicare. Voli pindarici, immagini, emozioni, suoni. La narrazione non è solo questione di parole ma qualcosa di più ampio, di fisico, carnale e allo stesso tempo onirico che stimola l’immaginario collettivo tra la terra in cui vivono e nascono le storie che racconta il narratore e il cielo come spazio immenso dell’immaginazione in cui esse si muovono.

La capacità del raccontatore è quella di condurre chi ascolta nel volo in questo cielo, senza perdersi ma dando un’ampia e leggera sensazione di libertà collettiva nel viaggiare nel racconto, ora abbagliati da luce accecante ora investiti dal buio profondo, i vissuti più intimi si scoprono universali.
Quali sono i presupposti per dare vita a questo viaggio?

In ogni essere umano c’è un universo , un mondo da scoprire: valli, fiumi, caverne, vulcani, cieli, montagne. Gli elementi della natura determinano questa geografia interiore, ogni luogo interiore ed esteriore racchiude storie.

Il racconto orale  è un’arte antica che ogni cultura ha sviluppato. Innanzitutto è un lavoro che parte dalla propria intimità: il parlare, il comunicare dal vivo mette le persone in una condizione di confronto costante che le porta a dialogare prima di tutto con parti di se stessi.                                                                                                                            

Si studierà la capacità e i riferimenti personali del narratore che vive dentro di noi per scandagliare l’urgenza e la necessità di raccontare, di mettere in circolo la materia viva che si evolve e cammina giorno per giorno: la narrazione è un processo attivo di creazione dell' immaginario collettivo che permette a chi ascolta di partecipare con la propria immaginazione alla costruzione attiva del racconto.
La tecnica che ci porterà in questo percorso è quella di raccontare per immagini: nel momento in cui il narratore racconta le sue parole saranno funzionali alle immagini e quindi chi ascolta produrrà la sua personale immagine partecipando attivamente al racconto, questo percorso stimola la capacità immaginifica dell’individuo.  Il lavoro parte dallo studio del primo portatore di memoria: il nostro corpo che è espressione della storia del’evoluzione umana e in cui sono racchiusi i nostri vissuti più intimi che si depositano nelle articolazioni, nella nostra camminata, nella nostra gestualità. La narrazione è un viaggio di voci, suoni, ritmo e respiro alla base del quale c’è la
presenza fisica. Il laboratorio studia quali sono le coordinate e i codici del narrare per mettere in condizioni i partecipanti di raccontare secondo uno stile personale e mettere a fuoco il proprio mondo interiore come scenario delle storie possibili e la propria fisicità.


Programma Workshop

Sabato       16.30/19.30

Domenica   10.00 /13.00    Pausa Pranzo 13.00 /14.30 - 14.00 /17.30

Il costo del workshop è di € 130,00. Per l’iscrizione  telefonare al 3384149595. La realizzazione dello stesso avverrà se raggiunto il numero minimo di partecipanti. Numero massimo di partecipanti 12. Iscrizione entro il 20/10/2018.