SOLE D'INVERNO 

Storie di donne, lotte e arance 

con Alessio Di Modica 

Questa spettacolo è il racconto, il Cunto, di un piccolo paese che accoglie l’arancia come frutto e con la fatica dei suoi lavoratori (i raccoglitori) e delle sue lavoratrici (le agrumaie interne) diventa ricco e fiorente. Le lotte per i diritti delle donne sono la polpa di questa storia, una polpa rossa come la qualità di arancia che qui di fronte al vulcano si produce e anche rosso come il sangue delle lavoratrici, la cui storia viene spesso dimenticata o messa in secondo in piano.    In particolar modo narriamo la vita di Graziella Vistrè, bagherese trasferita a Lentini, una persona straordinaria, forte e fragile, vera, dirigente sindacale e anticipatrice delle lotte per i diritti delle donne, una delle fondatrici dell’Unione delle donne (UDI) in Sicilia; nel racconto le due città si sovrappongono fino a diventare un’unica terra materna, una  matria interiore per Graziella, un posto in cui donne e arance vivono un profondo legame di sorellanza.

OSSA 

dal racconto popolare dell'osso che canta alla storia di Placido Rizzotto

CUNTI di e con Alessio Di Modica

Questo spettacolo racconta due storie di ossa. 
La prima è la favola dell’osso che canta che è un classico dei racconti legati al mondo della pastorizia.In questo spettacolo Alessio Di Modica ne presenta una personale versione intrisa della simbologia isolana popolarepastorale. Ma questa favola somiglia tanto a una storia vera, alla storia di Placido Rizzotto sindacalista ammazzato dalla mafia e poi fatto sparire nel tentativo dei suoi assassini di occultare il corpo e far scordare l’uomo e l’operato fino a offuscarne il ricordo. Ma le sue ossa ritrovate in una foiba canteranno e riusciranno a far vincere la memoria sulla dimenticanza.

CUNTI DEL MARE 

storie di pescatori siciliani

di e con Alessio Di Modica

Un racconto che racchiude le storie dei pescatori le storie dei pescatori di una delle marinerie più importanti della Sicilia: Augusta, sulla costa sud est. Le loro leggende, i loro miti, la loro formazione umana avveniva attraverso l’oralità.

Mediante un costante raccontare le vecchie generazioni trasmettevano alle nuove le tecniche, i segreti del mestiere e i codici culturali  di una comunità che viveva un antico rapporto simbiotico con il mare, rapporto che il progresso selvaggio ha interrotto definitivamente. In questi tempi quelle tecniche artigianali , quella fatica immane nell’inseguire i pesci, tutti quei segreti del mestiere che si tramandavano di padre in figlio non sono utili ma da lì veniamo, di quel duro lavoro siamo i figli. Le parole di questo racconto sono onde che si increspano, s’alzano e si infrangono. Il cunto con il suo suono, il suo ritmo e il suo respiro richiama il suono del mare e consegna alla memoria un mondo che non c’è più e i cui ultimi testimoni sono sempre di meno.

ETNA 

storie popolari alle pendici del vulcano 

Cunti di e con Alessio Di Modica 

Un ciclo di racconti ispirati alla letteratura orale dei paesini alle pendici del Mongibello (antico nome dell'Etna) che narrano cosa vuol dire per uomini e donne vivere in questo luogo in cui per secoli il ventre della terra ha vomitato  fuoco e leggende  che son diventate rocce scure. Il nero deserto  lavico, dove nulla di umano sopravvive, confina con la natura più selvaggia e variegata che nutre la gente di ricchezza e mistero. Di eruzione in eruzione la roccia  si è alzata imponente sul mare azzurro dell'isola verso il cielo  fino a ingoiarne le creature celesti.

Le vicende dei personaggi vengono narrate attraverso l'arte del Cunto   siciliano, con fiato di fuoco e respiro di zolfo, in uno scenario lunare di pietre laviche, castagni e querce secolari all'ombra della "Muntagna" che decide, "brama rancura", si risveglia, distrugge, “ abbrucia ” e poi  s'ammutolisce.